Come godersi il nord della Norvegia senza finire in bancarotta

NOVE GIORNI IN NORVEGIA ON THE ROAD CON 1.100 EURO A TESTA

1500 KM tra auto, piedi, navetta e slitta trainata da cani

In molti blog e siti dedicati ai viaggi, spesso non vengono date specifiche sui costi sostenuti per un determinato volo/hotel/ristorante e così via. Troviamo che chi viaggia per passione e deve fare affidamento su un budget limitato (come noi) abbia invece assoluto bisogno di avere più informazioni possibili sull’ordine di spesa che lo aspetta.
Per quanto riguarda questo viaggio ci sentiamo di dire che la Norvegia è CARA, ma può essere vissuta pienamente con qualche accortezza anche da chi non ha un grande somma a disposizione (per leggere il nostro diario di viaggio clicca QUI).



Prenotato il 5 Ottobre su Skyscanner, tendenzialmente vale sempre la regola del “prima prenoti e meno paghi” e pagato 379,10€ per due biglietti.

Dettagli del viaggio

Data di partenza: 13 febbraio 2018

PartenzaArrivoN° voloDaA
2018-02-13 06:402018-02-13 07:50LH1865Milano MalpensaMünchen Tyskland (MUC-Franz Josef Strauss Intl.) Franz Josef Strauss Intl.
2018-02-13 09:202018-02-13 11:35LH2414München Tyskland (MUC-Franz Josef Strauss Intl.) Franz Josef Strauss Intl.Stockholm Arlanda
2018-02-13 12:552018-02-13 14:45SK1491Stockholm ArlandaTromso Tromso/Langnes

Data di ritorno: 21 febbraio 2018

PartenzaArrivoN° VoloDaA
2018-02-21 14:002018-02-21 17:25LH871Tromso Tromso/LangnesFrancoforte Int.
2018-02-21 20:402018-02-21 21:50LH258Francoforte Int.Milano Malpensa

Sembrano tanti scali, in realtà avendo tutti a disposizione un’ora circa tra l’atterraggio e il decollo, i vari spostamenti sono trascorsi velocemente.
Al costo di 110€ abbiamo deciso di imbarcare due valigie da stiva del peso massimo di 23 kg l’una. Il nostro consiglio è quello di acquistare almeno un bagaglio da stiva ogni due persone. Perché?

  1. Vi servirà nel caso in cui, come noi, decidiate di portarvi delle provviste
  2. Gli abiti pesanti occupano parecchio spazio

MPX (Malpensa) – MUC (Monaco) e MUC – ARN (Stoccolma)  sono stati effettuati da Lufthansa, mentre ARN – TOS (Tromso) da SAS Airlines.
I primi due voli sono partiti e arrivati in perfetto orario, lo staff è stato gentile e veloce e tutta la procedura di imbarco al gate ha richiesto meno di mezz’ora.  Il terzo volo operato dalla compagnia SAS è partito invece con 1 ora e 40 minuti di ritardo, senza che dal banco accoglienza sia arrivata una sola parola o comunicazione per motivarlo, tanto che sul tabellone del gate la nota del ritardo è stata inserita dopo più di mezz’ora dall’orario di decollo programmato.

Personalmente non ci sentiamo di consigliare SAS come compagnia aerea, quantomeno per la mancanza di attenzione verso i passeggeri. L’aereo invece è abbastanza comodo e funzionale, ogni poltrona dispone di una presa USB sullo  schienale posto di fronte. Abbiamo avuto modo di ricaricare i telefoni in vista della maratona fotografica che sarebbe seguita!

Costo totale: 489,10€ (2 BIGLIETTI + 2 BAGAGLI DA STIVA)

:

Essendo intenzionati a percorrere circa 1400 km abbiamo deciso di noleggiare un’auto per tutto il periodo di permanenza e con chilometraggio illimitato per permetterci di spostarci senza vincoli e in tempi brevi. Abbiamo noleggiato con Hertz tramite il portale di Ryanair (https://car-hire.ryanair.com/it) che per i giorni inseriti risultava essere il più economico. Dal 13 al 21 febbraio compresi abbiamo speso 303,65€ più altri 60,48 per la stipula di una polizza aggiuntiva. Quest’ultima è stata fatta per scrupolo così da permetterci di avere massima copertura e sicurezza anche in caso di danni con torto, che su un terreno così particolare non sono inusuali.

L’auto che abbiamo scelto, e che (diciamo casualmente) era la più economica è stata una Wolswagen Up o similare. Cercavamo sostanzialmente un’auto compatta con consumi limitati visti i chilometri da percorrere. All’arrivo in aeroporto ci hanno assegnato una Kia Rio, ottima essendo più spaziosa della Up.  Sul tratto di 700 chilometri a tratta da Tromso ad Å i Lofoten e ritorno non sono presenti caselli e pedaggi, quindi l’unico costo da considerare è stato di circa 130€ per la benzina, che ha un costo al litro allineato a quello italiano. Consiglio: Se viaggiate in inverno assicuratevi di richiedere una macchina che abbia le gomme chiodate (dovrebbero essere montate di default, ma meglio accertarsene prima). Le strade non principali si coprono di uno strato di ghiaccio spesso qualche centimetro, e le gomme invernali potrebbero non essere sufficienti (a Tromso abbiamo adocchiato più di un turista alle prese con una salita troppo ripida).

E’ possibile pagare con carta di credito o debito, ma l’autonoleggio al vostro arrivo vi chiederà di esibire una carta di credito sulla quale bloccare un importo a titolo di franchigia. Nel nostro caso si è trattato di 300€, riaccreditati al termine del noleggio.

Costo totale: 364,13€ (NOLEGGIO + ASSICURAZIONE)

PARCHEGGI A PAGAMENTO:

Buona parte delle città che abbiamo visitato non dispone di un parcheggio gratuito nel centro della città, almeno durante il giorno. Alcune zone offrono la possibilità di posteggiare a pagamento per un’ora solamente, altre gratuitamente dopo le 17 e prima delle 8.
Tromso ospita un enorme parcheggio sotterraneo nel centro della città formato da una serie di gallerie con diverse uscite, il costo è di 2,40€/ora durante il giorno e 1,40€/ora durante la notte. Sono accettati contanti (solo Corone Norvegesi) e carte.

Link consigliati:

https://www.visittromso.no/en/Parking1

http://tromso-parkering.no/in-english/  << Questo link include anche immagini e spiegazioni dei cartelli stradali

Abbiamo contattato e paragonato diverse compagnie per organizzare un’escursione in slitta trainata da cani, confrontandole per prezzo e durata della gita. I prezzi sono abbastanza simili tra loro, la differenza sostanziale sta nel tempo trascorso effettivamente sulla slitta. Questo è un sunto valido al giorno in cui viene caricato questo articolo:

190€ ca. metà prezzo fino a 12 anni

Durata della gita 4 ore, tempo sulla slitta non specificato

160€ ca.

Durata della gita 7 ore, tempo sulla slitta 3 ore abbondanti

192€ ca.

Durata della gita non specificata, tempo sulla slitta 1,5/2 ore

190€ ca.

Durata della gita 6,5 ore, tempo sulla slitta 2,5 ore

215€ ca.

Durata della gita 9 ore, tempo sulla slitta 2 ore.

Questo sito offre una panoramica completa e pacchetti di più giorni o con attività aggiuntive:

https://www.visittromso.no/en/book/todo?filter=c%3D29565

CONSIGLIO: Qualunque sia la compagnia che sceglierete, vi consigliamo di contattarli per chiedere quale sia il tempo effettivo che trascorrerete in slitta, se non è specificato sul sito. Una gita molto lunga non necessariamente comporta un giro in slitta altrettanto lungo. Nel caso specificassero la distanza, sappiate che tendenzialmente 10-12 km equivalgono a circa due ore in slitta.

NOTTI DEL 13 E 14 FEBBRAIO

Le prime due notti abbiamo dormito a Tromso, scegliendo lo Smarthotel Tromsø.  https://www.booking.com/hotel/no/smarthotel-tromsa.it.html
Super consigliato! Prezzi  contenuti rispetto alla media della zona, posizione centrale con supermercato,ristoranti e farmacia nel raggio di 5 minuti a piedi, struttura ottima e nuovissima.

Abbiamo prima cercato tramite Trivago il prezzo più economico e infine prenotato su Expedia tramite app, che alla prima prenotazione offre spesso uno sconto intorno al 5% inserendo il codice promozionale (basta cercare su google parole chiave come “Sconto prenotazione app expedia”). L’hotel è bello, pulito, moderno e orientato a chi viaggia low budget. Dispone di reception 24 ore su 24, un frigo adibito a minimarket con prezzi poco più alti dei supermercati della zona, una stanzetta con asse e ferro da stiro a disposizione(noi l’abbiamo trovata al secondo piano in prossimità della stanza 240), colazione a prezzi onesti (13€ circa), possibilità di avere una zuppa calda sempre disponibile per circa 8€ e soprattutto la sala comune a sinistra della reception può essere liberamente usata dagli ospiti per consumare cibi portati dall’esterno, a patto che si pulisca il tavolo che viene usato. L’hotel mette a disposizione caffè e the 24 ore su 24. La camera è molto piccola, quanto basta per farci stare un letto alla francese e una scrivania, ma molto pulita e silenziosa. Il bagno è di dimensioni giuste, pulito e molto moderno. MIGLIOR QUALITA’ PREZZO IN TROMSO

PREZZO: 196€ ca. a camera per 2 notti

NOTTI DEL 15 E 16 FEBBRAIO

Dopo la giornata in slitta abbiamo raggiunto in auto la città di Svolvaer, soggiornando per due notti all’Hammerstad Camping prenotato via Booking (offerta migliore secondo Trivago). Arrivati alle 19.30 circa (il titolare è gentilissimo, nella mattinata ci ha anche telefonato per avere conferma dell’ora indicativa in cui saremmo arrivati e ci ha dato un suggerimento sullo stato delle strade del posto), abbiamo fatto il check-in e pagato in un paio di minuti. I Bungalow sono casette indipendenti in legno di varie dimensioni, quasi tutti fronte lago con vista del  tramonto e dell’alba. La pulizia può essere effettuata dagli ospiti, questo vi permette di risparmiare tra i 20 e i 70€ circa a seconda del Bungalow che decidete di affittare (ogni bungalow è provvisto di tutto il necessario per pulire). Al nostro arrivo era tutto pulito e in ordine, le casette sono costruite interamente in legno e sono provviste di tutto. Molto belle, gli interni delle cabine dalla 1 alla 7 sono un po’ datati, quelle dalla 8 alla 11 sono più spaziose e moderne ma decisamente più care. La posizione è ottimale se vi muovete in auto, si trova a 5 minuti di auto praticamente da tutto.  CONSIGLIATO

CONSIGLIO: Viene offerta la possibilità di pagare completamente in loco, opzione comoda se trovate un’offerta online ma non avete la disponibilità economica per saldare tutto al momento della prenotazione. Portatevi dietro un set da letto, risparmierete i  13€ a persona necessari per noleggiarli in loco (tutti gli hotel in cui abbiamo soggiornato avevano 2 piumini singoli per ogni letto da una piazza e mezza, regolatevi di conseguenza con il numero di set di biancheria da portare)

PREZZO: 170€ ca. a Rorbu per 2 notti

NOTTI DAL 17 AL 20 FEBBRAIO

Lasciata Svolvaer abbiamo attraversato i fiordi verso sud in direzione A, ultimo paese abitato.
Non riuscivamo a trovare il nostro ostello della gioventù, continuavamo a passare con l’auto avanti e indietro e non vedevamo altro che il museo del pesce essiccato. Presto detto, l’ostello è nella stessa Rorbu che ospita il museo, di fianco al porto e ad enormi gigantesche rastrelliere di legno con teste e corpi di pesce appesi ad essiccare all’aria.

L’odore all’esterno è caratteristico, diciamo! La reception è dislocata rispetto alle stanze, al nostro arrivo ci è stata fornita la biancheria da letto pulita e profumata. La nostra camera, la numero 1, si trova appena all’ingresso dell’ostello e ha una vista spettacolare sul mare. Pulita ma non molto silenziosa, essendo la struttura completamente in legno.  L’ostello ha due docce, due bagni e una cucina in ottime condizioni. Il paese è abbastanza spento, almeno durante l’inverno. OSTELLO CONSIGLIATO, PAESE SCONSIGLIATO.

CONSIGLIO: Se viaggiate in 2, aggiungendo 5 euro avete la possibilità di prenotare una camera privata anziché il posto in camerata.
Essendo un ostello della gioventù, se avete la tessera annuale avrete diritto ad uno sconto del 10%

PREZZO: 200€ ca. a per 3 notti

ATTENZIONE: E’ possibile anche prenotare via Booking utilizzando il nostro link promozionale, tramite il quale avrete diritto ad un rimborso sulla carta del 10% su quanto speso: https://www.booking.com/s/34_6/ca5fda21

A Svolvaer è possibile visitare il Magic Ice Bar, un bar con annesso gift shop a temperatura  -6 gradi.
Sul consigliarlo siamo indecisi, si tratta di un padiglione particolare con sculture di ghiaccio molto belle, la prima consumazione consiste in un cocktail servito in una coppa di ghiaccio a base di un liquore simile al Porto e la seconda è a scelta dal menù con alcune restrizioni sui cocktail più costosi (sempre serviti in bicchieri di ghiaccio).  I contro consistono nel fatto che è un’attrazione abbastanza cara per quello che offre: sostanzialmente si tratta di un grosso capannone refrigerato e sembra un po’ una trappola per turisti. CONSIGLIATO? NI

PREZZO:  20€ circa con una consumazione inclusa e 25€ con due consumazioni

A metà strada tra Svolvaer ed A si trova il museo Vichingo di Borg che ospita la ricostruzione di una grande abitazione di epoca vichinga i cui resti sono stati portati alla luce nel 1983. Fedele all’originale, l’allestimento permette di scoprire le diverse tecniche utilizzate dai Vichinghi per la conservazione degli alimenti, la lavorazione dei tessuti e del legno, oltre agli oggetti e agli arredi realizzati con questi stessi metodi. All’interno sono presenti diversi figuranti che ravvivano il fuoco, tessono arazzi e riportano la mente agli abitanti della casa originaria. Nella parte “nuova” si trova un cinema che proietta ogni 20 minuti un film molto bello che consigliamo assolutamente di vedere. CONSIGLIATISSIMO

PREZZO: 17,50€ circa

Se non avete la possibilità di spendere molto per i pasti della giornata o semplicemente volete limitare al massimo le spese, vi consigliamo di fare una stima del cibo necessario per il viaggio e decidere di imbarcarlo in un bagaglio da stiva. Le leggi sul trasporto di alimenti in Norvegia permettono di introdurre praticamente qualsiasi alimento (ad eccezione delle patate che richiedono un’autorizzazione speciale, non chiedeteci perchè) purchè proveniente dall’Unione Europea. Per tutti gli altri è richiesta un’autorizzazione speciale. Noi abbiamo deciso di portare più cibo inscatolato e liofilizzato possibile (= minor rischio di rottura negli sballottamenti in stiva e tra i vari scali), quindi:

Pane in cassetta, cracker, insalate di tonno, risotti e minestre in polvere, posate di plastica.
E anche: biscotti, crema spalmabile, affettati e formaggio sottovuoto.

I prezzi di frutta e verdura non sono così diversi da quelli italiani, in loco abbiamo provveduto a nutrirci anche con qualcosa di sano! I supermercati consigliati sono sicuramente Rema 1000, Kiwi e Coop. L’acqua è mediamente più cara ovunque con picchi nei piccoli negozietti e nelle stazioni di servizio, siamo passati dagli 0,60€ per 2 litri di Rema 1000 ai 4€ circa di K-Circle. Il pesce locale (stoccafisso e salmone) ha un costo decisamente inferiore a quello della carne, da Rema 1000 abbiamo comprato un filetto di salmone di ottima qualità da 800gr con meno di 10€. Birra e alcool in generale hanno prezzi decisamente alti anche rispetto agli standard locali, la Norvegia ha un grosso problema di alcolismo nella popolazione e questa sembra essere una manovra per cercare di ridurlo. Una birra da 0,5 litri comprata in un Rema 1000 passa dai 2,80 ai 4 € senza molte difficoltà a seconda delle marche; la qualità media però è davvero ottima. Bere nei pub può essere decisamente caro, al birrificio Olhallen (comunque consigliato in quanto si tratta del pub più antico di Tromso e che spilla birra del birrificio più a nord in tutto il mondo, il Mack) una media passa dai 15 ai 22€.

PREZZO: 50€ circa per 9 giorni, spesa fatta da Lidl + 140€ spesa in supermercati locali (perchè noi non risparmiamo, noi tirchieggiamo forte).

Per ulteriori info sull’importazione di cibo:
https://www.toll.no/en/goods/food/regulations-for-meat-milk-cheese-and-other-foods/

 

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti

it_ITItaliano
en_USEnglish it_ITItaliano